Festival Signal

Manifestazione internazionale che miscela performance, sound art, video e concerti

Ticonzero
La Vetreria – Sala fucina

H. 20:00
Modular’n’Synth (A cura di Garage della Musica)
Il Modular'n'Synth si propone come un incontro tra Modularisti e appassionati di sintesi, sintetizzatori e musica elettronica. Saranno presentati dei sintetizzatori modulari Eurorack, il micro sintetizzatore modulare NS1, il Moog werkstatt 01, il Moog mother 32 e la TouchBoard.

H. 20:30
Opening e Inaugurazione installazione ONDE CORTE (geografie possibili)
Concept, tecnica, video e musica: Alessandro Olla - Progettazione/Arduino: Stefano Cocco
ONDE CORTE è  un’ installazione  interattiva che  utilizza  registrazioni A/V realizzate  in località  geograficamente  lontane fra loro. Il soggetto  delle  riprese  è una radio ad onde corte  che trasmette musiche, voci o rumori  che  entrano  in  contrasto  con  il  panorama  visivo, decontestualizzandolo o espandendolo. L'installazione propone una riflessione nata dal desiderio di abbattere i confini geografici e sperimentare il territorio secondo differenti prospettive e suggestioni emotive.

H. 21:00
SLOW MOTION – Concerto per quartetto di percussioni
Modular Quartet: Francesco Ciminiello, Roberto Migoni, Marco Caredda, Andrea Desogus
La matericità sonora degli strumenti a percussione si incontra con i suoni di Steve Reich, che obbligano ad una partecipazione attiva chi se ne trova immerso.  Le suggestioni sonore si fondono con i segni visivi degli esecutori, in un mondo di impalpabili astrazioni, di contorni che vibrano, di equilibri che si spezzano e si trasformano man mano che li si ascolta. Modular è un insieme mutante che cerca la propria cifra sonora attraverso la percussione.

H. 22:00
PERCORSI E PRE/TESTI NELLA MUSICA SUFI OTTOMANA

Ensemble Marâghî: S.Albarello (qanûn), G. De Zorzi (flauto ney), F. Tricomi (daf, zarb), E. Wiltsch Barberio (live electronics)
Stefano Albarello, cetra su tavola pizzicata qanûn
Giovanni De Zorzi, flauto ney, direzione musicale
Fabio Tricomi, tamburo a cornice daf, tamburo a calice zarb
Emanuele Wiltsch Barberio, live electronics
La musica classica ottomana è riconoscibile fra le musiche del mondo islamico per la sua connessione con il sufismo e con la sua peculiare pratica spirituale. L’ascolto di musica e/o poesia, assurge a “concerto spirituale”, in forma più o meno ritualizzata, e diviene un elemento centrale nell’itinerario di affinamento interiore dell’uomo. L’Ensemble Marâghî si unisce qui a Emanuele Wiltsch Barberio (live electronics), musicista capace di intervenire in tempo reale sulle musiche tradizionali.

H. 23:00
BLINDED BY THE DUST
– Performance per Onde Martenot e live electronics
Onde Martenot: Nadia Ratsimandresy / Nicolas Thirion: live electronics
BLINDED BY THE DUST
Performance per Onde Martenot e Live electronics
Nadia Ratsimandresy e Nicholas Thirion
Nadia  Ratsimandresy suona l'Onde  Martenot. Nicolas  Thirion una  console  in  feedback,  preparata per creare un ciclo nella circolazione del segnale. Blinded by the dust, è una musica dell’istante, improvvisata, che flirta con l’elettronica astratta, si ispira ai Pan Sonic, ai beat di JeffMills. Talvolta invece le melodie appaiono e si sviluppano  su tappeti rumoristi. Tutto è come nel titolo, Blinded by the dust, come un paesaggio  dopo la tempesta o un  temporale nella DeathValley.

Organizzatore: 
Ticonzero
Data: 
Mercoledì, 21 Settembre, 2016 - 20:00 to Giovedì, 22 Settembre, 2016 - 00:00
http://www.signalfestival.org/